Blog pratiche.it

Blog

Cerca

Comunica il titolare effettivo con Pratiche.it

Invia la comunicazione del Titolare Effettivo ed evita sanzioni. Pratiche.it offre un servizio rapido e conforme per le imprese.
In questo articolo

Chi è il titolare effettivo

La trasparenza non è mai stata così fondamentale come nell’era attuale, dove ogni aspetto della vita di una società è sotto i riflettori della legalità e della responsabilità sociale. È in questo contesto che si inserisce l’obbligo, stabilito dalla Gazzetta Ufficiale del 9 ottobre 2023, per le imprese di comunicare entro l’11 dicembre i dati relativi al proprio Titolare Effettivo al Registro delle Imprese delle Camere di Commercio.
Ma chi è, e cosa si intende per “Titolare Effettivo”? Secondo la normativa antiriciclaggio, il Titolare Effettivo è la persona fisica che, all’interno di un’entità giuridica, ne detiene il controllo ovvero ne risulta il beneficiario. Questa figura riveste un ruolo di trasparenza fondamentale per prevenire e combattere il fenomeno del riciclaggio che, troppo spesso, viene occultato dietro società di copertura.

Soggetti Obbligati alla Comunicazione

L’obbligo di comunicazione del Titolare Effettivo riguarda:

  1. Società o persona giuridica iscritta in Camera di Commercio, anche se costituite in forma consortile: S.p.a. (Società per azioni); S.a.p.a. (Società in accomandita per azioni); S.r.l. (Società a responsabilità limitata); S.r.l.s. (Società a responsabilità Limitata semplificata) e le Società Cooperative
  2. Persone giuridiche private, come le associazioni, fondazioni o altre istituzioni
  3. Trust e istituti fiduciari: Trust in possesso di codice fiscale, stabiliti o residenti in Italia e quelli non residenti, ma con i redditi prodotti in Italia. Istituti che per assetto e funzioni, determinano effetti giuridici equivalenti a quelli dei trust compresi i Mandati Fiduciari.

La comunicazione del titolare effettivo da parte di queste entità è un passaggio fondamentale che non ammette deleghe o procure: deve essere compiuto personalmente almeno da un amministratore dell’impresa, dal fondatore o dai soggetti con la rappresentanza e l’amministrazione delle persone giuridiche private, o dal fiduciario per i Trust.

Come Possiamo Aiutarti? Il Servizio di Pratiche.it

Comprendere la complessità della burocrazia può essere un’impresa ardua, e qui entra in gioco Pratiche.it, che compilerà la comunicazione per tuo conto, in modo semplice e veloce. Dovrai fornire solo il Codice Fiscale dell’azienda e del Titolare Effettivo, insieme al suo nominativo: del resto ci occuperemo noi, inviandoti la pratica da firmare digitalmente e la invieremo alla Camera di Commercio. Per sottoscrivere la pratica è necessario essere in possesso della firma digitale. Con Pratiche.it beneficerai di un servizio efficiente e conforme alle normative vigenti. Offriamo assistenza passo dopo passo, garantendo la corretta compilazione e invio della pratica, evitando così errori che potrebbero costare cari.

Hai tempo fino all’11 dicembre 2023!

La scadenza per l’invio della documentazione del Titolare Effettivo è fissata per l’11 dicembre.
Nel caso in cui la comunicazione non pervenisse nei termini stabiliti, si innesca un meccanismo di verifica e sanzione da parte della Camera di Commercio territorialmente competente. Le sanzioni previste dall’articolo 2630 del Codice Civile prevedono multe che vanno da 103 euro fino a 1.032 euro. Sarà tuttavia possibile ridurre di un terzo la sanzione se la comunicazione viene regolarizzata entro trenta giorni dalla scadenza iniziale.

Le informazioni contenute nel blog sono fornite a solo scopo informativo e non intendono sostituire in alcun modo il parere o le procedure ufficiali delle autorità e degli enti pubblici. In nessun caso possono costituire la base per decisioni legali o amministrative, né sono da considerarsi definitive o esaustive riguardo le tematiche trattate. Si raccomanda di consultare sempre i siti ufficiali delle relative istituzioni per informazioni aggiornate e ufficiali. Pratiche.it e gli autori del blog declinano ogni responsabilità per eventuali inconvenienti o danni derivanti dall’uso delle informazioni qui presentate. L’uso delle informazioni fornite avviene sotto la piena responsabilità dell’utente.
Potrebbe interessarti
Prestito rifiutato? Perché succede e cosa fare

Le banche e gli istituti finanziari, quando valutano l’approvazione di un prestito, analizzano approfonditamente la storia creditizia del cliente. Per chi desidera controllare se il proprio nome figura nelle banche dati creditizie, è possibile richiedere una visura centrale rischi.

Leggi tutto »